Napoli, Italia

il
Chi se li dimentica quei vicoli con le lenzuola che ti arrivavano in faccia, con i bambini sempre a correre dietro a un pallone, e le immancabili urla delle veraci big-mamas?
Questa è la Napoli che ricordo io: una città già ferita, ma non ancora vinta. Oggi il luogo da cui parte la nostra tradizione culinaria, artistica, musicale e storica nonchè la maggior parte dei “clichè italiani” è lo specchio del decadimento morale di un popolo ormai allo sbando, senza ideali e depauperato da 16 anni di frastuono, di spaesamento del cuore.
Vedere Napoli sommersa dall’ immondizia è come vedere una lancia nera nel tricolore: è un lutto permanente, inconsolabile. Pizza mozzarella e mandolino c’è chi ormai non li toccherebbe neppure.
Mentre la “seconda repubblica” se ne va in un bunga bunga di donne di malaffare, un futuro incerto si spalanca davanti a un’Italia che è ormai tutta in piazza a protestare, da Trieste in giù…..
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...